Nel cuore dell’impresa Metisoft

Cosa significa essere una società di soluzioni e servizi di Information Technology e lavorare ogni giorno per garantire la sicurezza dei sistemi, sia propri che dei clienti?

Lo hanno scoperto i ragazzi in visita mercoledì 20 settembre in Metisoft, dalle parole appassionate dei dipendenti che sono intervenuti nelle presentazioni.

L’obiettivo era duplice: da un lato noi dell’ITS Fabriano volevamo far conoscere ai ragazzi il nostro nuovo percorso formativo ICT&Security e le opportunità professionali che apre, dall’altro Metisoft voleva raccontare la bellezza di lavora nel settore IT e di quanto bisogno abbiano di tecnici specializzati preparati e competenti.

Ad aprire la mattinata è stato Matteo Bruschi, nostro docente e presidente dell’azienda InstantHelp, che ha spiegato nel dettaglio il piano di studi del percorso per diventare Tecnico superiore esperto in sistemi e sicurezza informatica.

Barbara Lechiara, HR Director di Metisoft, ha illustrato ai ragazzi il percorso di crescita in azienda, dove l’onboarding è molto veloce e lo stage dura giusto il tempo per formare il ragazzo, affinché sia pronto ad essere inserito il prima possibile.

A seguire Carlo Forni, Head of Delivery di Metisoft, ha fatto capire ai ragazzi il grande impatto sociale che la sicurezza informatica ha su tutti, non solo sui dati aziendali, e che i capisaldi di un sistema sicuro sono essenzialmente 3: infrastrutture sicure, applicazioni sicure e persone informate.

Siamo di fronte ad anni frizzanti in termini di sicurezza informatica, con tante opportunità di lavoro e crescita per i giovani.

La grande differenza che un corso ITS può fare, tra una Scuola Secondaria di 2 grado e un’Università, è il permettere al ragazzo di passare dal Sapere al Saper fare in poco tempo (meno di 2 anni). Perché aziende come Metisoft hanno bisogno di persone preparate dal punto di vista teorico, ma anche pronte a mettere mano alle cose. “Non solo persone che sanno, ma persone che sanno quello che fanno.

Try hard e focus sulla formazione continua, perché nel settore IT quello che sai oggi domani non vale più, è il messaggio che Domenica Schiavone, System Solution Competence Center Manager di Metisoft, ha voluto lasciare ai ragazzi. Sono la passione unita alla voglia di imparare e aggiornarsi sempre le chiavi per crescere in un’azienda come Metisoft, dove il percorso di crescita è chiaro e veloce e passa non solo dalla competenza tecnica ma anche dalle soft-skill.

A chiudere la mattinata è stato l’appassionato contributo di Luca Malaccari, System Solution Specialist, in Metisoft da 7 anni, che ha raccontato di come è cresciuto in azienda, partendo dall’help desk fino ad oggi, dove sta per diventare un profilo Senior, con progetti sempre più impegnativi, sfidanti e di responsabilità.

Dopo il diploma ho provato a fare l’università perché non mi sentivo preparato a lavorare, ma ho dovuto lasciarla perché volevo mettere in pratica quello che imparavo, studiare e basta non faceva per me. Se avessi avuto un corso come quello che abbiamo costruito insieme all’ITS Fabriano mi sarei risparmiato qualche anno di ‘gavetta’.

Una giornata davvero interessante che ha voluto aiutare i ragazzi a capire come funziona il mondo dell’impresa,  far vedere loro la sottile differenza tra avere un lavoro e avere un buon lavoro e trasmettere l’importanza di collaborare e fare sempre del proprio meglio.

“Mai essere gelosi del proprio lavoro. La gelosia non fa crescere, la sana competizione sì.”

RAGAZZI, AZIENDE E SPACE JOB

Numerosissimi all’OPEN DAY di martedì scorso. Tante le domande, tanti i punti di incontro con le aziende presenti ed i collegamenti diretti all’interno di SPACE

GLI IMPRENDITORI E LA TRANSIZIONE 5.0

Molti i contenuti che Francesco Angeletti di Confindustria Ancona ci ha passato nel suo intervento durante il Caffè Manageriale, l’appuntamento di ITS Fabriano Academy creato

CAFFE’ MANAGERIALE

Torna l’appuntamento del Caffè Manageriale con il tema caldo del Piano Transizione 5.0:  incentivi per 6,3 miliardi di euro fino al 2030 per favorire la transizione digitale