Nel cuore delle imprese Simonelli Group e Giorgi

Mercoledì 28 settembre i nostri studenti, i neoiscritti all’anno accademico in partenza e le classi V meccanica dell’ITTS Divini e dell’IPSIA Pocognoni di San Severino sono entrate nel cuore delle imprese Simonelli Group e Giorgi.

Il nostro territorio è ricco di realtà di grande valore tecnico, con prodotti unici posizionati su mercati anche internazionali. Quante di queste realtà sono conosciute dai giovani in cerca di lavoro?

La nostra esperienza ci insegna che a parte qualche nome eccellentela conoscenza della maggior parte delle imprese delle territorio rimane nei confini della sfera professionale.

Gli addetti ai lavori e gli esperti del settore ne conoscono pienamente le potenzialità e il valore, mentre i giovani in cerca di lavoro le ignorano.

Uno degli interessi principali dell’ITS Fabriano Academy è proprio quello di costruire una rete solida di incontro tra studenti e imprese, con due obiettivi chiari:

  • Permettere alle imprese di trovare tecnici superiori adeguatamente formati
  • Permettere ai giovani di conoscere le opportunità offerte dal mercato del lavoro e scegliere con consapevolezza il proprio percorso lavorativo

Formazione adeguata, passione, innovazione e artigianalità

Ad aprire la giornata nel cuore delle imprese Simonelli Goup e Giorgi è stato Luca Mari, People & Culture Director di Simonelli Group, che ha dato il benvenuto ai ragazzi e spigato lo svolgimento della visita.

Cristiana Carnevali, responsabile Orientamento e Placement del nostro ITS, ha conversato con i ragazzi delle Superiori per capire la consapevolezza che hanno delle scelte post-diploma. 

Tra lavoro, università, ITS, corsi IFTS, anno di studio all’estero, servizio civile e carriera militare, sono poco quelli che hanno chiare la quantità di opzioni a cui possono accedere.

In questo contesto, l’ITS Fabriano si pone in posizione di privilegio perché è capace di formare quelle figure tecniche specializzate di cui le imprese hanno grande carenza e che né le superiori né le università possono formare.

Perché?

Grazie alla costruzione di un piano didattico in collaborazione diretta con le imprese che, attraverso laboratori con tecnologie innovative, visite, stage, project work e opportunità di lavoro, permette di unire lavoro e formazione, pratica e teoria.

Roberto Girolamini, Direttore Tecnico Commerciale di Elettromatic ha ricordato ai ragazzi una cosa fondamentale per entrare col piede giusto nel mondo del lavoro: “Il diploma vi permette di lavorare, ma non vi permette di farlo nel modo in cui noi imprese abbiamo bisogno. Questo significa lavoro meno qualificato e crescita professionale lenta, costruita sull’esperienza e non sulla competenza.

Sergio Paparoni, Operations Manager di Giorgi, ha raccontato l’appassionante storia della sua azienda, nata facendo metalmeccanica per macchine agricole e arrivata oggi a realizzare caldaie per macchine da caffè, usando materiali nobili come acciaio inossidabile e rame e puntando su una qualità di eccellenza.

Giorgia coniuga innovazione e artigianalità ed è alla ricerca di giovani talenti – non per altro l’età media dei suoi dipendenti è di 32 anni – consapevole che l’efficienza viene col tempo, ma l’efficacia si può guadagnare velocemente con l’esperienza e con dei percorsi formativi adeguati come quelli proposti dagli ITS.

A chiudere le presentazioni l’intervento di Federico Sciamanna, Quality Manager di Simonelli Group, che ha raccontato come l’azienda sia guidata da innovazione, sostenibilità e focus sulla formazione, sia verso l’interno che verso l’esterno. Una produzione di macchine da caffè artigianale ed estremamente personalizzata, ma con un cuore innovativo anche a livello di organizzazione, grazie all’utilizzo di sistemi per la Business Intelligence.

La seconda parte della mattinata è stata occupata dalla visita in azienda, a partire dagli spazi del Campus, dedicati alla ricerca, alla formazione e alla diffusione della cultura del caffè. Apprezzatissimo l’incontro con l’esperto, che ha spiegato tecniche di macinatura, smontato falsi miti e fatto degustare caffè fatti con due diverse tecniche di ‘estrazione’.

La visita in produzione ci ha sorpresi per la grande artigianalità dei prodotti e per l’estrema cura degli spazi, cosa affatto scontata per le aziende manifatturiere.

Opportunità di lavoro, opportunità di formazione

La conoscenza è una delle chiavi delle possibilità.

Avere le informazioni giuste, in un momento tanto delicato come quello in cui un giovane diplomato si trova a scegliere del proprio futuro, è fondamentale per non fermarsi alla prima proposta, spesso allettante quanto fuorviante. Lavorare subito è visto come un traguardo, un obiettivo raggiunto e un guadagno assicurato.

Ma porta con sé il rischio di fermarsi, di non conoscere altre opportunità e di delegare la propria crescita professionale al tempo anziché fondarla sulla competenza.

Una competenza che i corsi ITS possono dare velocemente, pensati per insegnare ciò che serve realmente alle imprese. I corsi infatti durano 2 anni, quasi la metà del tempo è passato in azienda e i docenti sono per la quasi totalità esperti e professionisti del mondo del lavoro.

RAGAZZI, AZIENDE E SPACE JOB

Numerosissimi all’OPEN DAY di martedì scorso. Tante le domande, tanti i punti di incontro con le aziende presenti ed i collegamenti diretti all’interno di SPACE

GLI IMPRENDITORI E LA TRANSIZIONE 5.0

Molti i contenuti che Francesco Angeletti di Confindustria Ancona ci ha passato nel suo intervento durante il Caffè Manageriale, l’appuntamento di ITS Fabriano Academy creato

CAFFE’ MANAGERIALE

Torna l’appuntamento del Caffè Manageriale con il tema caldo del Piano Transizione 5.0:  incentivi per 6,3 miliardi di euro fino al 2030 per favorire la transizione digitale